Sogni di periferia

Share
In un’officina dismessa al Villaggio artigiano di Modena “La disobbedienza dell’acqua” del collettivo Amigdala. Nel segno della rigenerazione culturale
di Marco Fratoddi
 
 
Festival Periferico 2017 5Che cosa c’è di più difficile da raccontare di un sogno? L’esperienza è troppo profonda e allo stesso tempo contraddittoria per essere restituita linearmente, come se fosse una narrazione composta nel pieno della consapevolezza. Rappresenta perciò un terreno insidioso, affascinante ma problematico, quello prescelto dal collettivo Amigdala per “La disobbedienza dell’acqua”: una creazione visiva che integra il video e l’installazione ambientale all’interno di un luogo svuotato di senso, come molti se ne trovano da queste parti. Siamo nel Villaggio artigiano di Modena, alla periferia occidentale della città, dove negli anni Cinquanta l’amministrazione rispose con questo insediamento alla crisi dell’industria pesante. L’esperimento riuscì: agli operai licenziati dalle fabbriche si propose di mettersi in proprio e l’ingegno di tante maestranze – tra officine meccaniche, manifatture di componenti per l’indotto della Fiat ma anche tipografie, falegnami, maglifici o quant’altro – produsse un distretto che celebrò con largo anticipo il modello tutto italiano della piccola e media impresa.
Leggi tutto...
 

Accordo WEEC-Università di Torino: una casa prestigiosa per la rete mondiale

Share
Il Rettore dell’Ateneo torinese e il Segretario generale WEEC firmano un protocollo di intesa. La rete mondiale di educazione ambientale e l’Università di Torino consolidano la collaborazione
 
DELEGAZIONE WEEC A UNITO
Il 12 luglio scorso Gianmaria Ajani, Magnifico Rettore dell’Università di Torino e Mario Salomone hanno firmato un Protocollo di inntessa che istituzionalizza la collaborazione tra rete mondiale di educazione ambientale (WEEC Network, www.weecnetwork.org) e l’Ateneo, che diventa sede di alta rappresentanza del Segretariato Permanente.
Ajani e SalomoneLa firma è avvenuta alla presenza di una delegazione WEEC rappresentativa di tre continenti (nelle foto a lato).
A curare operativamente la collaborazione per conto dell’Università sarà la Cattedra UNESCO, che già ora cura la segreteria di redazione della rivista scientifica della rete italiana WEEC (“Culture della sostenibilità”). La Cattedra è stata istituita nel 2010 presso l'Università degli Studi di Torino per promuovere un sistema integrato di ricerca, formazione, informazione e documentazione in materia di sviluppo sostenibile e gestione del territorio e per facilitare la cooperazione internazionale e la diffusione dei risultati della ricerca tra istituti di ricerca e università in Italia e nel mondo.
 
Torino, una delle Università più “verdi” del mondo (e una delle più antiche)
 
L’Università di Torino, fondata nel 1404, con i suoi oltre sei secoli di storia e più di 70.000 studenti è una delle più importanti e prestigiose università italiane. Nel 1506 vi si laureò Erasmo da Rotterdam.
Molti tra i protagonisti della vita politica italiana del Novecento si sono formati all'Università di Torino, da Gramsci a Gobetti a Togliatti, oltre a due Presidenti della Repubblica Italiana, Luigi Einaudi e Giuseppe Saragat.
L’Ateneo è anche tra i più attivi e impegnati al mondo nel campo della sostenibilità ambientale.  
Leggi tutto...
 

Trump e i negazionisti

Share
Sono trascorsi quasi due anni dagli “accordi” di Parigi sui mutamenti climatici, ma nulla lascia intendere e sperare che si vada avanti lungo la strada disegnata in quegli incontri. Profetici i versi del librettista della Traviata
 
di Ugo Leone
 
Riprendiamo con piacere l’articolo di Ugo Leone uscito su “Rocca” n. 13 del 1° luglio 2017:
L’indomani di quel lungo incontro alla COP21 (30 novembre al 13 dicembre) con una ventata di ottimismo si era indotti a cantare la verdiana “Parigi, o cara, noi lasceremo, la vita uniti trascorreremo.
 De’ corsi affanni compenso avrai, la tua salute rifiorirà…”.
Così canta Alfredo alla traviata, ma ormai quasi moribonda, Violetta. E così sembrava potessero cantare i rappresentanti dei 195 Stati riuniti a Parigi nel tentativo di risolvere i gravi problemi del pianeta: bastava mettere Terra al posto di Violetta e tutto tornava. Perché i versi di Francesco Maria Piave, il librettista della Traviata, sono veramente profetici: i partecipanti alla Conferenza di Parigi lasciavano la città felici di avere gettato le premesse per un futuro migliore dove si potrà vivere uniti perché la Terra, in tal modo compensata per i maltrattamenti ricevuti, potrà finalmente rifiorire godendo di ottima salute.

 
Ci vuole un… “Decologo”
 
Ma cerchiamo di capire come stanno andando le cose. E come si stanno orientando dopo la elezione di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti e la sua partecipazione, diciamo così, al G7 di Taormina (maggio 2017) e quella ancora più breve di Scott Pruitt suo rappresentante al G7 per l’ambiente a Bologna (giugno 2017).
Leggi tutto...
 

Siccità: acquedotti colabrodo e altre insipienze

Share
In Italia si lavora solo sull’emergenza, senza una azione lungimirante di prevenzione.
Non aspettare le “vacche magre”: lo spiegava già Giuseppe interpretando i sogni del Faraone, migliaia di anni fa
di Ugo Leone
 
È siccità. E la Coldiretti stima danni in un miliardo di euro.
Se lo fa avrà certamente elementi per questa valutazione. Ma è l’ennesima dimostrazione della politica del rattoppo che governa il nostro Paese. Il quale si accorge di un danno, del manifestarsi di un pericolo e delle sue conseguenze (generalmente prevedibili) quando ormai il guaio è fatto e c’è solo la possibilità (costosa) di rattopparne gli effetti mettendo qualche pezza qua e là. In altro modo andrebbero le cose se, conoscendo gli eventi e le loro conseguenze, si operasse per prevenirli.
La siccità è un fenomeno naturale, consueto in talune aree della Terra, meno in altre tra cui l’Italia. Quando si verifica ne risente soprattutto l’agricoltura che è la maggiore consumatrice di acqua: per gli esseri umani e per gli animali le cui carni ci vengono date da mangiare. (non anche per i pesci che hanno altri problemi). In questi casi l’unica “pezza” possibile (costosa, ripeto) è quella di indennizzare gli agricoltori e provvedere ai consumatori incrementando le importazioni dei prodotti necessari e insufficienti per soddisfare la domanda (magari non le reali esigenze).
 
Le possibilità di prevenire non mancano
 
Ma, dicevo, sarebbe ben diverso se il danno si prevenisse.
 
Leggi tutto...
 

Torre Annunziata, la strumentalizzazione di una tragedia

Share
"Quel palazzo crollato lo conoscevo bene". Cialtroneria e incompetenza sono dappertutto
di Serenella Iovino
 
Torre AnnunziataSerenella Iovino, nostra collaboratrice, ha così commentato su Facebook le reazioni al tragico crollo di una palazzina  Torre Annunziata:
A tre giorni dalla tragedia di Torre Annunziata la cosa più difficile è trovare le parole. Difficile, perché quel luogo lo conoscevo bene. L'edificio crollato è un tiro di schioppo dalla casa dove sono nata e dove continua a vivere parte della mia famiglia. Tra la nostra terrazza e quei balconi, la ferrovia borbonica e i ponti di pietra lavica. I fichi d'India, gli oleandri, le bougainvillee, una discreta presenza di munnezza, e in fondo il mare. Ci si salutava con la mano, con chi abitava lì; ci si trovava a cinque minuti di cammino sulla curva di via Gino Alfani a guardare Capri tutta azzurra, e il Monte Faito, e le luci di Sorrento. Perché di fronte a quella casa c'è uno dei panorami più belli del mondo, quello di cui Goethe scrisse parole piene di stupore che ancora stupiscono noi.
Il palazzo crollato, dicevo, lo conoscevo bene: ci viveva la mia amica e compagna di studi Patrizia Petrone, che, sono sicura, dopo quasi 30 anni continua a sognare quel balcone, quel mare che al mattino ti parla, e lo fa veramente: perché le voci dei pescatori, lì, ti arrivano direttamente dalla spiaggia, insieme al profumo delle onde.
 
Un problema italiano
Abbiamo sentito dai telegiornali nazionali storie di degrado, di abbandono, di terzo mondo.
 
Leggi tutto...
 

Comunicare la scienza e l'innovazione sostenibile

Share
Aperte le iscrizioni al master dell'Università di Miilano Bicocca. Forma figure capaci di comunicare efficacemente ai vari pubblici della scienza e di favorire la comunicazione fra università, enti di ricerca, scuole, musei, imprese, amministrazioni locali, agenzie del territorio e opinione pubblica
 
locandinaMacsis2017C'è tempo fino  al 2 ottobre 2017 per iscriversi al MACSIS, il master che dal 2010 pone l'accento sul rapporto reciproco tra scienza e società, e più in particolare sulla sostenibilità dell’innovazione. Tra i principali sbocchi occupazionali si segnalano le seguenti professioni: giornalismo scientifico (web, stampa, radio e televisione); addetto stampa; progettista e organizzatore di eventi scientifico-culturali e di citizen science; operatore dei musei scientifici e d’impresa, osservatori astronomici, parchi naturalistici, science centres e distretti tecnologici; videomaker; web content manager; social media content manager ecc.
Diretto da Andrea Cerroni con il coordinamento scientifico di Pietro Greco, il master vanta numerosi accorrdi di partenariato con aziende, musei, osservatori, centri di ricerca pubblici e privati, agenzie giornalistiche, distretti e agenzie del territorio ecc. che collaborano con il master per la realizzazione di iniziative congiunte. Il MACSIS organizza anche convegni e ha una rivista online: Colpodiscienza, che pubblica articoli, interviste, video, locandine, comunicati stampa, infografiche prodotti dagli allievi per i corsi e in occasione degli eventi organizzati.
Maggiori informazioni QUI o sul sito web del master:
e sui canali social Facebook, Twitter, Youtube e LinkedIn
 

26 giugno: 50 anni fa moriva don Lorenzo Milani. In diretta su RAI Radio 3 uno spettacolo teatrale

Share
Don Lorenzo Milani: a cinquant’anni dalla morte lo spettacolo dedicato al fondatore della Scuola di Barbiana va in scena a Roma, in diretta per Il Teatro di Radio3
 
Lunedì 26 giugno - giorno esatto del cinquantenario della morte di don Lorenzo Milani - al culmine di un’intera giornata dedicata al Priore il prestigioso programma a cura di Laura Palmieri e Antonio Audino accoglierà alle ore 21, in diretta dalla Sala A di via Asiago a Roma, Cammelli a Barbiana.
 
 

Sardinia Symposium 2017

Share
Dopo lo straordinario successo del 2015, Sardinia Symposium è lieta di annunciare il 30° anniversario

Sardinia 2017

I Simposi Sardinia sono stati istituiti nel 1987 con lo scopo di rendere facilmente disponibili e condivisibili le conoscenze e le esperienze nel campo della gestione dei rifiuti e dello scarico controllato. Da allora sono diventati uno dei principali forum di riferimento a livello mondiale per gli esperti del settore che ogni due anni si ritrovano in Sardegna per presentare e discutere nuove strategie e tecnologie in quella che è unanimemente riconosciuta come una delle vetrine più prestigiose per la ricerca nazionale e internazionale.

Nel corso delle edizioni i Simposi hanno testimoniato e contribuito allo sviluppo dei moderni concetti di gestione integrata e smaltimento sostenibile dei rifiuti: non c'è innovazione che negli ultimi venticinque anni non sia stata presentata e discussa durante le conferenze e i numerosi workshop proposti durante i Simposi.

Il sedicesimo Sardinia International Waste Management and Landfill Symposium si terrà dal 2 al 6 ottobre 2017 presso Forte Village (CA), Italia.

Per maggiori informazioni sul programma preliminare, gli espositori, le sessioni e i workshop proposti e le modalità di partecipazione, visita il sito www.sardiniasymposium.it 

 

I parchi, un po' meno parchi e più business

Share

Passa alla Camera la contestata legge sui parchi. Contrarie tutte le maggiori associazioni ambientaliste. Ora si spera in miglioramenti al Senato

italia dei parchi mappaPiù spazio al clientelismo e procedure meno trasparenti nella nomina dei direttori dei parchi (anziché concorsi pubblici), slittamento verso una visione del parco come risorsa economica anziché di tutela della biodiversità e del territorio, compartecipazione dei parchi agli utili di attività impattanti sull'ambiente (tramite le royalites ad esempio su acqua minerali o trivelle), queste le principali critiche di WWF, Greenpeace, LIPU e altre importanti associazioni alla nuova legge (modifiche alla 394/91) approvata alla Camera il 20 giuugno. Voto contrario da quasi tutte le opposizioni (Lega, Cinque stelle, Sinistra italiana), astenuta Forza Italia. Ora i critici della legge sperano in correzioni al Senato.

 

Una accurata analisi della legge, a firma Piero Mandarino, è stata pubblicata su questo sito

 

Le aree protette luoghi di turismo sostenibile

Share
Se ne parla il 27 giugno a Roma in un convegno su "Strategie e opportunità nell’Anno internazionale del turismo sostenibile per lo sviluppo"
 
Federparchi Europarc Italia, Unioncamere e Fondazione Sviluppo Sostenibile, insieme al Ministero dell’Ambiente, organizzano un convegno dal titolo “Le aree protette, luoghi di turismo sostenibile - Strategie e opportunità nell’Anno internazionale del turismo sostenibile per lo sviluppo”. Si svolgerà martedì 27 giugno, nella sala Longhi, presso Unioncamere, in piazza Sallustio 21, a Roma.  Inizio dei lavori alle 14,30. Tra i relatori, oltre a Ivan Lo Bello, presidente di Unioncamere, l’ex ministro Edo Ronchi (presidente di Fondazione per lo sviluppo sostenibile), Giampiero Sammuri, presidente di Federparchi, Francesco Palumbo (responsabile della direzione generale Turismo al Ministero dei Beni culturali). Conclusioni del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti. Nell’occasione sarà presentato il Rapporto “Natura e cultura - Le aree protette, luoghi di turismo sostenibile” e il portale “Turismo nei parchi”.
 

Seguici anche su

             social FB

Scarica .eco

             eco logo300x105 con-url

Come sostenerci

untitled-8_copy
untitled-6_copy
untitled-7_copy
untitled-10_copy

Rete internazionale di educazione ambientale

environmental_copia
weec_ridotto

Giornate Pan-Europee dell'Educazione Ambientale

ped2

i nostri Partner

 banner sardinia 201749195b

c4c-logo

 

 

Logo ICN 2012

Fiere ed Eventi

Italiano 1banner sardinia 2017 Banner per-educazionesostenibile  170x60

BANNER-ANIMATOlogo IT FITS  copy

sulla stradaLogoper eco 169 57pxlogobioarchitettura_170peda bannerlogo_valori-.ecobanner_greenjobsbanner-architettura-ecosostenibilejoborientaedizioni_ambientelogo_ambiente_europa_170x60_-_x_.ecologo_ecobottegabannercesvi_.eco130529 DGCOMM EYC2013 BannersIT 170x60

 


Area Riservata






ultimi numeri di .eco

        cover eco 228 229
        cop 1 2017
        cover eco 224 225        

Effetto farfalla

effetto_farfalla

banner_cds

newton-01-e1446112278641-300x88

logoetica sport

salomone1

nebbia1

angelini1

leone1

banner

senza_titolo-5_copia

Acquista On Line

.eco educazione sostenibile


Leggi .eco

abbonati_modulo

Multimedia

multimedia_grande

hotload yourxporn

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.