"PER UNA BUONA EDUC-AZIONE" CHIUDE IL DECENNIO

La Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO celebra la chiusura del Decennio delle Nazioni Unite dedicato alla Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2005-2014 con la nona e ultima edizione della sua “Settimana”.

L’iniziativa sarà quest’anno dedicata al bilancio delle attività svolte: da una parte la raccolta delle buone pratiche e prassi educative svoltesi durante il Decennio, dall’altra l’inventario delle realtà che sopravviveranno al Decennio stesso e continueranno a promuovere l’educazione alla sostenibilità in tutte le regioni italiane.

Il 25 novembre, alle 9,30, presso la sala della Società Geografica Italiana, (Villa Celimontana, Via della Navicella 12) gli attori italiani dell'educazione ambientale sono invitati al convegno intitolato "Per una Buona Educ-Azione: l’educazione formale e non formale allo Sviluppo Sostenibile", che vuole offrire un’occasione per fare il punto sul ruolo dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile in Italia e sulle sue prospettive future, per un confronto di idee, valori, principi e buone pratiche per l’educazione allo sviluppo sostenibile non solo nel mondo della scuola, ma nel mondo associativo ambientalista, i parchi, il Sistema Nazionale INFEA, i media attivi in campo educativo e ambientale, per cercare una prima sintesi delle esperienze accumulate in questo Decennio, al fine di lasciarle in eredità al Paese e per discutere il futuro dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile in Italia.

Interverranno tra gli altri Vito Consoli (Agenzia Regionale Parchi Lazio), Maria Crisitn Martin (Dirigente Scolastica, Latina), Michela Mayer (Comitato Scientifico DESS), Vanessa Pallucchi (Legambiente), Mauro Pianesi (Presidente "Un Punto Macrobiotico), Mario Salomone (Presidente nazionale FIMA, Federazione italiana media ambientali), Paolo Tamburini (Regione Emilia Romagna, Sistema INFEA). Sarà presente una delegazione della rete italiana WEEC, che ha dato la sua adesione al convegno. 

 

 

 

SUSTAINABILITY INTERNATIONAL FORUM: SI PARLA DI INFORMAZIONE AMBIENTALE

Si svolge a Roma martedì 25 novembre 2014, ore 9:30, alla LUMSA, Sala Giubileo (Via Porta di Castello 44, Roma) la sesta edizione del Sustainability International Forum, luogo privilegiato di dialogo e confronto fra aziende, istituzioni, mondo accademico, associazioni, studenti e cittadini: una moderna agorà per riflettere sulle sfide e le tendenze in atto a livello mondiale in tema di sviluppo sostenibile, per analizzare il modo in cui la globalizzazione e la green economy stiano influenzando e orientando l’evoluzione di una crescita economica a misura d’uomo, anche in termini di opportunità.

La Conferenza affronterà il tema dell'informazione come elemento indispensabile per modificare gli atteggiamenti delle persone, per diffondere valori, comportamenti e capacità coerenti per garantire e ottenere un'effettiva partecipazione dei cittadini nei processi decisionali.

Nel corso della mattinata verrà presentato il primo Rapporto dell’Osservatorio Eco-Media e sarà assegnato anche il Premio Giornalisti per la Sostenibilità, un riconoscimento simbolico a quei professionisti che si siano particolarmente distinti per l’impegno in favore della divulgazione, anche scientifica, di tematiche ambientali e sociali. Il Premio è anche un pretesto per raccontare quanto di buono accade, attraverso le best practices di imprese, istituzioni, associazioni e singoli cittadini: oltre la denuncia, quindi, storie da cui prendere esempio.

Interverrà tra gli altri il Segretario Generale WEEC, Mario Salomone.

La partecipazione è libera e gratuita.

Programma e iscrizione:

http://www.pentapolis.eu/attivit%C3%A0-e-progetti/sustainability-international-forum/


 

WEEC 2015: prorogata la scadenza

weecSlitta al 19 dicembre il termine per presentare proposte per l'Ottavo congresso mondiale dell'educazione ambientale, che come è noto si terrà a Goteborg, in Svezia, nel 2015. La registrazione avviene tramite il sito del congresso: www.weec2015.org

Come per i precedenti congressi, sarà presente una numerosa delegazione italiana. Chi è interessato a farne parte può contattare lo sportello Italia della rete WEEC ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. )

 

Nuove minacce a Lirio Abbate: la solidarietà di Fima, contro criminalità organizzata e inquinamento

Lirio Abbate, l'inviato dell'Espresso sotto scorta dal 2007 per le minacce della criminalità organizzata, è stato oggetto di un grave, preoccupante e inaccettabile tentativo di intimidazione. L’auto scortata sulla quale viaggiava è stata prima pedinata e poi speronata in mezzo al traffico di Roma.
Fima (Federazione italiana media ambientali) esprime la propria solidarietà al giornalista, autore di numerose inchieste sugli intrecci tra politica, affari e criminalità organizzata in vari settori dell’economia di Roma. Tutti i componenti della Federazione si stringono attorno a Lirio.

“Chiunque, a qualsiasi livello, sia oggetto di intimidazioni mafiose deve essere difeso senza alcuna preclusione ed occorre mettere a punto strumenti efficaci affinché le intimidazioni ai giornalisti da parte della criminalità organizzata non raggiungano l'obiettivo di togliere voce all'informazione”, afferma Mario Salomone, presidente di Fima.

Il caso di Abbate è uno dei tanti che interessano i cronisti locali impegnati sul terreno della lotta alle illegalità ambientali, che devono affrontare difficoltà sempre più grandi. Non bisogna dimenticare, infatti, che il 52% dei giornalisti sono freelance indipendenti, meno tutelati rispetto ai colleghi che lavorano nelle redazioni.

Gli attacchi a un’informazione libera non vengono solo dalle minacce e dalle intimidazioni. Anche la politica ci mette il suo, con una legge sulla diffamazione che non prevede il carcere per i giornalisti, ma mantiene comunque il suo effetto intimidatorio con sanzioni fino a 10.000 euro. Chi tutela il diritto dei cittadini alla verità?

 

ECO&ECO 2014 NUTRIRE LA CITTA', il programma definitivo

solo logo ecoecoL'appuntamento è per venerdì 21 novembre, all'Ecofoyer-Casa dell'Ambiente, in corso Moncalieri 18 a Torino. Una giornata per confrontarsi sui temi dell'agricoltura e apicoltura urbana.

Oltre 400 orti urbani a Torino, i parchi, le cascine, i percorsi di educazione ambientale e avvicinamento alla ruralità, le mense scolastiche. Torino non è più “one company town”, ma un laboratorio in cui concepire nuovi spazi e nuovi modi di vivere la realtà urbana. Un fermento culturale che dilaga tra le tante presenze associative che in città si occupano di biologico, di km 0, cooperazione alimentare, di lotta agli sprechi, ecc.

Dove sta andando la città? Facciamo il punto insieme all'Assessore all'ambiente del Comune Enzo LavoltaStefania Fumagalli di Coldiretti, Donatella Mosso di Fondazione Torino Smart City, Alessandro Mostaccio del Movimento consumatori e molti altri.

Scopri il programma definitivo.

L'ingresso è libero e occorre prenotarsi a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Leggi tutto...
 

PREMIO ETICA e SPORT per le Scuole Piemontesi

 

logo etica sportL’associazione Etica e Sport rilancia la sezione Scuole nella 6° edizione del premio intitolato a Rinaldo Bontempi e Maurizio Laudi, parlamentare europeo il primo e ideatore in quella veste del “Libro Bianco della UE sullo sport”, giudice in prima linea nella vita, ma anche massimo dirigente per la parte disciplinare della federazione del calcio mondiale.

Il premio fin dalle origini ha avuto cinque sezioni:

1° Istituzioni pubbliche e private,

2° Associazioni e Società Sportive,

3° Tecnici e Atleti,

4° Comunicatori,

5° Scuole.

 

La quinta sezione, reinserita dopo due anni, è dedicata alle scuole del Piemonte, di ogni ordine e grado, che abbiano realizzato negli ultimi due anni scolastici progetti sportivi nei quali a "vincere" siano stati anche i valori etici, il fairplay, il rispetto delle regole e la lealtà. Lo sport, insomma, come momento educativo, capace di valorizzare gli aspetti etici, oltre che come strumento per incrementare la pratica motoria e la cultura sportiva a tutto tondo.

Vi riconoscete nei valori di etica e sport? Avete realizzato un progetto scolastico che risponde a questi requisiti? E allora cosa aspettate? Avete ancora pochi giorni per partecipare al Premio!

 

Leggi tutto...
 

ECO&ECO 2014: NUTRIRE LA CITTA', il 21 Novembre dalle 9.30 presso l'Ecofoyer

 

solo logo ecoecoSi terrà venerdì 21 novembre, all'Ecofoyer-Casa dell'Ambiente, in corso Moncalieri 18, l'edizione 2014 di ECO&ECO, progetto ideato dall'Istituto per l'Ambiente e l'Educazione Scholé Futuro onlus, realizzato con il contributo di Camera di Commercio di Torino, Fondazione CRT e Compagnia di San Paolo e grazie al supporto di una ricca rete di partner comprendente associazioni di categoria, enti e università.

ECO&ECO, nell'Anno Internazionale dell'Agricoltura Familiare indetto dalle Nazioni Unite, ha scelto quest'anno di focalizzarsi sul tema dell'agricoltura e apicoltura urbana e avrà per titolo Nutrire la città.

Leggi tutto...
 

Online, in consultazione gratuita, il nuovo numero di "il Pianeta azzurro"

cover nUn'attività semplice e alla portata di tutti come lo snorkeling può trasformarsi in un'esperienza unica di arricchimento personale, formazione e divertimento.
L'educazione ambientale trova nello snorkeling uno strumento di grande efficacia che permette al grande pubblico di avvicinarsi alla natura, è il caso di dirlo, in punta di pinne!
Scoprite le attività e le novità nel campo dell'educazione ambientale legate allo snorkeling nel dossier n.2 di "il Pianeta azzurro"
Scaricate qui il PDF in consultazione gratuita

 

REPORT: dietro il Made in Italy sfruttamento dei lavoratori e crudeltà verso gli animali

Immagini scioccanti nel servizio di domenica 2 novembre su "Report" (RAI 3). La combattiva trasmissione di Milena Gabanelli ha messo il dito nella piaga della delocalizzazione dell'industria del "Made in Italy": dietro le griffe più famose, sfruttamento del lavoro in paesi lontano (fino in Armenia o Transnistria) e crudeltà nei confronti degli animali, chiamati spesso a fornire la materia prima dei capi di abbigliamento. In questo caso si trattava delle oche: piume estirpate con violenza, una dopo l'altra, mentre l'animale è vivo e cosciente, oche costrette per questo a subire terribili sofferenze. Moltissime di loro non sopravvivranno alla violenza, le più “fortunate” porteranno i segni delle ferite per il resto della loro vita e saranno costrette a subire questa tortura più volte nell'arco di uno stesso anno. Questa la realtà descritta da Report che documenta le pratiche schivistiche negli stabilimenti "delocalizzati" e le illegali perpetrate in alcuni allevamenti ungheresi dove vengono “prodotte” piume d'oca, poi vendute come materie prime all'industria tessile e dell'abbigliamento, anche per realizzare prodotti di lusso.

Per questo l'Enpa ha promosso una petizione online sulla piattaforma “Change.org” (http://urlin.it/12d21e) con la quale chiede all'Europa di mettere definitivamente al bando una pratica violenta e illegale, e di prevedere tutti gli opportuni controlli tesi ad evitare il ripetersi di situazioni di illegalità. Ma la petizione della Protezione Animali è rivolta anche alle aziende e a Confindustria affinché pongano fine alle torture e allo sfruttamento delle oche per le piume, e utilizzino finalmente imbottiture sintetiche, le quali, oltre ad essere “cruelty free” offrono anche una resa superiore.

L'Enpa sollecita inoltre le autorità competenti a rispettare il diritto dei cittadini di essere correttamente informati in merito, di conoscere quindi la provenienza dei capi e delle materie prime con un idoneo sistema di tracciabilità che permetta, nel caso in questione, di sapere se siano state usate piume e da quale allevamento esse provengano.

Le scelta “cruelty free” - osserva l'Enpa – è una scelta etica che paga sempre e comunque, anche in campo economico.

 

Si è concluso con una Tesi di Laurea il progetto +SPORT -SPRECHI

bimbocercaborracceLa sostenibilità e la lotta agli sprechi possono diventare fair play. Non tutti gli sportivi sanno che esiste un Codice Verde del Coni in cui si invitano la Organizzazioni Sportive e gli atleti a sostenere azioni che  controllino di consumi di acqua, energia e promuovano  valori ambientali.

Con il progetto +Sport –Sprechi, finanziato dalla Fondazione Cariplo e realizzato dall’Istituto Scholè Futuro di Torino, dalla FIPAV di Lodi, con il supporto scientifico del Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria (DEIB) del Politecnico di Milano, si è cercato di ridurre gli sprechi all’interno di manifestazioni sportive nel territorio lodigiano. In questo modo  non si toglie gusto allo sport, anzi lo si moltiplica perché oltre che far stare bene noi, si fa bene anche l’ambiente.

Leggi tutto...
 

Area Riservata






ultimi numeri di .eco

        copertina 204 lug 14

        copertina mag giu 2014

        COVER 200-201 

Effetto farfalla

effetto_farfalla

Agenzia formativa

sfpiemonte

banner_cds

logoetica sport

salomone1

nebbia1

angelini1

leone1

banner

senza_titolo-5_copia

Come sostenerci

untitled-8_copy
untitled-6_copy
untitled-7_copy
untitled-10_copy

Seguici anche su

seguici_anche

Acquista On Line


Leggi .eco

abbonati_modulo

Multimedia

multimedia_grande